UN PO' DI STORIA DELLA NOSTRA AZIENDA

Il cincillà è un roditore originario del Sud America e più precisamente delle Ande che attraversano il Perù, la Bolivia, Cile e Argentina. In queste zone il clima è molto vario: caldo di giorno e freddo di notte e proprio per il cincillà sopporta molto meglio il freddo conduce una naturale vita prettamente notturna. Anche se questo non significa che nella vita domestica non riesca a abituarsi con facilità ai consueti orari della famiglia che lo accudisce.

Il cincillà si suddivide in due grandi spcie: la Brevicaudata e la Lanigera. La specie Brevicaudata è più grande della Lanigera, molto meno prolifero, orecchie molto piccole e con orientamento verticale, testa molto grossa e tonda, corpo compatto e coda corta (caratteristica da cui prende il nome la specie). La specie Lanigera è quella che commercialmente si è più diffusa,perché più prolifera, con orecchie generalmente più grandi e con orientamento più orizzontale, testa più piccola, corpo un po’ meno compatto e di forma un po’ più allungata, coda più lunga.

La specie Lanigera si suddivide in tre tipi: il La Plata, il Costina e il Raton (o Real). Il La Plata è di una conformazione fisica più grande rispetto agli altri due tipi del Lanigera, in pratica è quello che più di tutti si avvicina alle caratteristiche della specie Brevicaudata. Il tipo Costina ha una conformazione contraria al La Plata, quindi orecchie lunghe, muso appuntito (simile al topo), corpo di forma allungata e spalle strette e si nota molto la curvatura della schiena se visto di profilo. Il Real ha caratteristiche simili al La Plata e pare abbia rischiato l’estinzione durante la loro caccia spietata all’inizio del 1900: qualcuno ha avvistato piccole colonie di cincillà Real nelle riserve naturali del Sud America.

I cincillà Costina furono avvistati esclusivamente nelle zone più pianeggianti dell’America del Sud, mentre il La Plata nelle zone più alte della catena Andina. Proprio perché il Costina viveva nelle zone meno fredde, ha una pelliccia molto meno folta e pelo più corto, padiglioni auricolari più grandi per dissipare calore, contrariamente al La Plata ha orecchie più piccole e corpo compatto, pelo più lungo e denso: caratteristiche per trattenere di più il calore del proprio corpo.

Negli ultimi anni il cincillà si è rivelato un ottimo animale da affezione e in questo contesto si è molto diffuso il tipo Costina. Ultimamente il pubblico, sempre più informato, ha iniziato a richiedere ai propri rivenditori e a saper riconoscere il tipo La Plata o ibridi La Plata-Costina, perché più belli, generalmente più socievoli, tranquilli e fiduciosi dell’uomo: quasi come un cucciolo di cane. Altro motivo per cui il La Plata è maggiormente richiesto è la maggiore resistenza fisica e longevità rispetto al Costina.

Abbiamo iniziato ad allevare cincillà nel 1985 attratto da questo nuovo animale all’epoca quasi del tutto sconosciuto in Italia e poi preso dalla passione di conoscere tutto quanto potevamo a proposito. Negli anni che seguirono, dopo aver messo su un piccolo allevamento amatoriale abbiamo ripetutamente proposto ai negozi Pet questo nuovo tipo di roditore, ma purtroppo con scarsi risultati. Non avevamo ancora molta esperienza e gli errori principali per cui i cincillà non erano considerati erano: l’età troppo avanzata dei giovani e il tipo di animali. Negli anni ’90 avevamo puri Costina e mai avevamo visto altri tipi di cincillà se non in foto di riviste specializzate estere.

Purtroppo i Costina dovevano essere svezzati a circa due mesi di vita, non prima e vista anche la loro indole troppo “vivace” rispetto al La Plata, quando li proponevamo ai negozi spesso questi  non si facevano toccare anzi a volte mordevano o urinavano addosso.

Quasi alla fine degli anni ’90 provammo a immettere in allevamento i primi soggetti La Plata, notando subito la differenza oltre che fisica anche nel carattere. Erano animali che più difficilmente soffrivano di problemi intestinali come costipazioni o diarree, ma soprattutto erano calmi e curiosi e permettendo loro un solo pizzico di confidenza interagivano con  la mia famiglia molto facilmente. Sembravano più intelligenti rispetto ai Costina. Più resistenti fisicamente potevamo svezzare prima i cuccioli e riuscire a proporre ai rivenditori un nuovo tipo di cincillà che ama essere accarezzato e tenuto in braccio o in mano, longevo e soprattutto così cucciolo che oltre a sembrare un mini-orsacchiotto si affezionava subito a che decide di crescerlo nella propria casa.

Più tardi con particolari incroci genetici siamo riusciti a dare ai nostri cincillà tutte le mutazioni di colore esistenti al mondo: il White Wilson, il Mosaico, il Pastello, l’Ebano, il Black Velvet, il Beige, il Choko e tutte le loro variazioni di colori. Non solo, abbiamo anche tirato fuori un particolare mosaico che stiamo tentando di fissare geneticamente, che abbiamo chiamato “Mascherina” poiché è un cincillà grigio standard con una maschera bianca in viso. Poi ancora un particolare mosaico che abbiamo chiamato Panda Mutato, che è il risultato di una serie di incroci tra mutazioni bianche, grigie e beige. Questo cincillà è di due colori perfettamente divisi a metà corpo: nella parte della testa completamente bianco e nella restante parte tutto beige. Esistono nel mondo altri cincillà Panda, ma sono di colore bianco e grigio: ecco perché il nostro è un Panda Mutato.

Il cincillà si adatta molto bene alla vita domestica, agli orari e consuetudini di famiglia e agli altri animali domestici che vivono in casa: quasi a sentirsi un umano. Ha bisogno di gabbia capiente e alta, perché ama arrampicarsi e saltare tra le mensole poste all’interno dell’alloggio e gli piace stare nelle zone più alte della gabbia stessa. Nel caso si dispone di gabbie di dimensioni più piccole, raccomandiamo di lasciarlo uscire una volta al giorno in modo da sgranchirsi un po’, ma sempre sotto la nostra supervisione, poiché il cincillà è curioso e potrebbe rosicchiare cavi elettrici o causare danni.

Proprio perché è un animale curioso, raccomandiamo di donare ogni sorta di gioco, in commercio ci sono pietre da rosicchiare ad esempio, ma anche attaccando all’interno della gabbia una piccola campanella si permette al cincillà di comunicare, in qualche modo, sonoramente con le persone della famiglia.

Con il campanello molti cincillà comunicano agli umani il proprio stato d'animo o eventuali necessità: sta al padrone imparare a interpretare i segnali della propria pallottolina di pelo.

Argomento importante nel cincillà è l’alimentazione. Il cincillà ha un intestino molto lungo in proporzione al proprio corpo, dovuto proprio alle condizioni del loro habitat naturale. Quindi particolare attenzione va data a questo aspetto. Consigliamo di utilizzare alimenti appositi per cincillà e dobbiamo accertarci che il nostro simpatico roditore lo prediliga. Il cincillà è di indole molto individualista, quindi un alimento di cui è ingordo uno potrebbe addirittura disgustare l’altro. Sconsigliamo di cambiare spesso il tipo di mangime, poiché si produrrebbero scompensi gravi alla flora batterica intestinale del cincillà indebolendo le proprie difese naturali. Un buon fieno è importante perché apporta tanta fibra di cui il cincillà ha bisogno proprio per via del lungo tratto intestinale. Leccornie varie si possono dare ma mai esagerare.

Molta attenzione va data anche all’acqua di bevanda. La bottiglietta va svuotata e sciacquata ogni giorno e dopo una settimana, massimo dieci giorni, la stessa assieme al beccuccio vanno puliti a fondo e disinfettati. Il pericolo mortale del cincillà è l’acqua stagnante. Consigliamo, quanto possibile, per motivi igienici, di usare gli appositi beverini in vetro.

Il cincillà non ha bisogno di vaccini, poiché non ha particolari patologie. Nel nostro allevamento, dove il ricambio dell’aria è calcolato in base alla temperatura (quindi meno ventilato in inverno e molto di più in estate) non ci sono mai stati casi di forme di raffreddori o polmoniti o comunque malattie da ricollegare alle vie aeree del cincillà. Problemi ci sono stati solo di natura intestinale, ma ora abbiamo un mangime perfettamente equilibrato che ci preserva anche da questi pericoli.

Una "malattia" se così vogliamo chiamarla, che attanaglia ancora il cincillà è l’accrescimento sconsiderato dei molari, che porta pian piano il cincillà a non riuscire più a masticare, quindi a sbavare e non essere più autosufficiente. Il cincillà non riesce più a chiudere la bocca e quindi anche gli incisivi crescono in modo anomalo. Crediamo che in qualche modo questa "malattia" sia legata anche a predisposizioni genetiche. Un qualunque fattore ambientale o alimentare potrebbe innescare questo fenomeno. Quindi nel nostro allevamento le selezioni vengono fatte anche in questo senso.

Spesso ci chiedono come poter avere coppie di cincillà evitando la procreazione. E’ sufficiente mettere assieme due cincillà dello stesso sesso e il gioco è fatto. E’ importante far fare amicizia tra i due, se si possiede già un cincillà, evitando eventuali gelosie (anche se nel tipo  La Plata l’amicizia nasce spesso spontaneamente). Il segreto consiste nel far fare amicizia in un ambiente neutro, come una piccola gabbia dove nessuno dei due cincillà è mai stato. Fatta amicizia raccomandiamo di rimetterli assieme nella gabbia del cincillà “padrone di casa” solo dopo averla lavata e disinfettata a fondo, in modo che non nessuno dei due cincillà senta più i vecchi odori.

In particolare il cincillà La Plata oltre che con la propria specie ha la tendenza a fare amicizia con tutti gli altri animali anche se predatori (ad esempio il gatto). Quindi fatta salva l’eventuale aggressività dell’altro animale, la convivenza è più che possibile. Ci hanno raccontato di cincillà che dormono sulla groppa del gatto di casa o di cincillà che si mischiano tra i cuccioli di mamma cagna.

Il cincillà è maturo sessualmente a sei mesi di età e spesso anche prima. Ma non consigliamo di accoppiarli prima che abbiamo compiuto gli otto mesi di vita per problemi che potrebbero sorgere al momento del parto. E’ importante che il cincillà abbiamo compiuto almeno un anno di età al momento del parto, quindi accoppiandoli dopo gli otto mesi di età e calcolando una gestazione di 111 gironi circa (quasi quattro mesi) la femmina dovrebbe partorire a circa un anno di vita. In questo modo la possibilità di parti languidi o aborti verrebbe notevolmente ridotta.

Al parto la nidiata di solito può essere da uno a quattro cuccioli. La media è di due cuccioli per nidiata e per due parti all’anno. Nelle nidiate più numerose occorrono molte più cure e attenzioni rispetto cucciolate da uno o due piccoli. I cincillà nascono col pelo e occhi aperti e dopo qualche ora giocano e corrono. Dopo pochi giorni di vita i cuccioli iniziano ad assaggiare anche il cibo di mamma cincillà.

Come già detto il Costina non può essere svezzato prima di 50-60 giorni di vita, molto prima invece il La Plata.

Non abbiamo mai provato a far vivere all’aperto o in voliere i nostri cincillà. Sicuramente un cincillà allevato all’esterno o in giardino si sentirà più trascurato rispetto a quello tenuto dentro casa e penso che pian piano si rifiuterà di interagire col proprietario, se lasciato troppo tranquillo in voliera.

Sicuramente il cincillà tenuto in giardino ha bisogno di una gabbia molto grande e alta, con rami all’interno su cui arrampicarsi, come pure ripiani dove poter saltare o poggiarsi, ma soprattutto piccoli alloggi come casette o altro dentro cui nascondersi quando spaventati o per potersi riparare dal caldo o dalle intemperie.

Terminiamo con l’importanza del bagnetto di sabbia. Il cincillà ha un pelo sottilissimo e foltissimo, tanto che assorbe umidità e accumula sebo. Per questo ha bisogno giornalmente di poter rotolarsi in una speciale sabbia assorbente che lo libri dal grasso, eventuale umidità e pelo morto.

In commercio la sabbia più utilizzata è quella a base di sepiolite, che ha un grande potere assorbente e non graffia la cute. Naturalmente ci sono altre sabbie per cincillà che hanno strutture diverse, ma tutte con due caratteristiche comuni: un buon peso specifico che faccia arrivare i granelli di sabbia fino in fondo al pelo e un grande potere assorbente.

Stiamo curando la possibilità di far arrivare in Italia il granulato dove, nel loro habitat naturale, i cincillà si rotolavano per ripulirsi la propria pelliccia: si trova negli enormi letti di fiumi preistorici ormai essiccati tra le Ande.

 

Sistema di Valutazione per cincillà nei concorsi

Sistema di Valutazione per cincillà nei concorsi

  SISTEMA DI VALUTAZIONE A 81 PUNTI Il Sistema di Valutazione a 81 punti è nato in Danimarca e...

LA TRICOFAGIA NEL CINCILLA

LA TRICOFAGIA NEL CINCILLA

La TRICOFAGIA nel cincillà consiste nel rosicchiamento del cincillà stesso del proprio pelo e di...

IL PARTO LANGUIDO NEL CINCILLA'

IL PARTO LANGUIDO NEL CINCILLA'

Come tutti gli altri esseri viventi anche il cincillà può avere delle grosse difficoltà al...

Gocce di Genetica nel Cincillà

Gocce di Genetica nel Cincillà

Uso della genetica  per chi ha deciso di allevare i cincillà Tutti i migliori allevamenti di...

Azienda agricola La Plata

Azienda agricola La Plata

L'AZIENDA AGRICOLA LA PLATA   La Plata è soprattutto una azienda agricola che oltre a...

Parti e Cuccioli di cincillà in percentuale

Parti e Cuccioli di cincillà in percentuale

Non sono mai stati redatti delle analisi e raccolti dati sui parti dei cincillà e in particolare...

Applicazione Android

Applicazione Android

Annuncio importante: Rilasciata l'applicazione ufficiale del Team La Plata per tutti i cellulari...

Cremina - fortunata trovatella!

Cremina - fortunata trovatella!

CREMINA   fortunata trovatella!   Cremina appena adottata!   Cremina dopo...

Spenk - cincilla non vedente

Spenk - cincilla non vedente

SPENK   Cincillino non vedente                           .

INVERNO 2013-14

 INVERNO   In questo periodo invernale di freddo, maglioni e giacconi fa piacere rivedere...

  • Sistema di Valutazione per cincillà nei concorsi

    Sistema di Valutazione per cincillà nei concorsi

    Venerdì, 16 Gennaio 2015 20:57
  • LA TRICOFAGIA NEL CINCILLA

    LA TRICOFAGIA NEL CINCILLA

    Martedì, 16 Dicembre 2014 21:03
  • IL PARTO LANGUIDO NEL CINCILLA'

    IL PARTO LANGUIDO NEL CINCILLA'

    Domenica, 14 Dicembre 2014 19:17
  • Gocce di Genetica nel Cincillà

    Gocce di Genetica nel Cincillà

    Lunedì, 24 Novembre 2014 22:18
  • Azienda agricola La Plata

    Azienda agricola La Plata

    Domenica, 28 Settembre 2014 20:13
  • Parti e Cuccioli di cincillà in percentuale

    Parti e Cuccioli di cincillà in percentuale

    Martedì, 23 Settembre 2014 22:24
  • Applicazione Android

    Applicazione Android

    Lunedì, 12 Maggio 2014 20:59
  • Cremina - fortunata trovatella!

    Cremina - fortunata trovatella!

    Lunedì, 21 Aprile 2014 22:11
  • Spenk - cincilla non vedente

    Spenk - cincilla non vedente

    Domenica, 20 Aprile 2014 22:07
  • INVERNO 2013-14

    Mercoledì, 19 Marzo 2014 07:08

Ultimi arrivi nel catalogo

30,00 € ACCONTO ARSENIOS II s61 Bis 80 euro
Esaurito
30,00 € ACCONTO Agathe S 61 70 euro
Disponibile
30,00 € ACCONTO Gorgias S 62 120 euro
Esaurito

Azienda agricola La Plata Cincillà - C.da Ributtini 66054 Cupello (CH) - P.IVA 01664550694 - Cod. Fisc. MNC MRT 63D04A402T - Tel. 3804654773