RIDURRE AL MINIMO LA MORTALITA' NEI CINCILLA'

 

Redigiamo questo articolo dietro svariate richieste.

 Il problema nasce dal fatto che nei cincillà vi è una mortalità che si aggira tra il 15 ed il 25 % dal momento della nascita a quello dello svezzamento. Le nostre statistiche, condotte raccogliendo dati ovunque e  da molti anni, dicono che di queste perdite un 15-20% si verifica nella prima settimana di vita.

 Il problema delle perdite di cuccioli è particolarmente grave nei mesi di gennaio, febbraio e marzo.  Dopo questi primi tre mesi, per diverse ragioni, i nostri accorgimenti per ridurre le perdite sembrano avere effetti positivi. Inoltre si arriva a un meno del 10% delle perdite totali da quando si alza la temperatura e per i rimanenti mesi dell'anno.

 Non si sa per quali motivi nei mesi di gennaio, febbraio e marzo le perdite siano così elevate, ma riteniamo che il problema sia collegato alla nutrizione.  Abbiamo  la sensazione che possa verificarsi qualche problema alimentare negli animali che vengono concepiti nei mesi invernali come settembre, ottobre e novembre, diversamente non riusciamo a spiegarci il perché delle perdite di gennaio, febbraio e marzo.

 Fortunatamente questo non è il periodo in cui nascono la maggior parte dei cuccioli. Di solito le nascile si concentrano in particolare nei mesi di aprile e maggio ed un po' meno a giugno.

 D'accordo, allora che fare?

 Quando i piccoli vengono alla luce, se sono singoli, privi di fratelli, si effettua solo un controllo dei denti, non si interferisce con quanto fa la madre a meno che non si verifichino delle lotte a causa delle morsicature dovute ai denti troppo lunghi. In questo caso si procede al taglio dei denti.

 Ma cosa fare quando i parti sono doppi o tripli? E’ bene sempre controllare i denti ed astenersi dai fornire alimentazione artificiale a meno i piccoli non se ne stiano accucciati in giro per la gabbia o siano disidratati.

 Il secondo giorno dal parto è un momento critico, può succedere che il latte non sia sufficiente per nutrire tutti i cuccioli e questo può portare a delle lotte tra fratelli. O piccoli si attaccano fra loro e colpiscono la madre nella zona dei capezzoli.

 In ogni caso se non ci sono particolari problemi è sufficiente procedere per due o tre volte al taglio dei denti e somministrare una piccola quantità di "formula" ai piccoli con un piccolo contagocce inserito delicatamente in bocca e dai quale vengono fatte cadere con molta attenzione alcune gocce, controllando attentamente che vengano inghiottite.

latte evaporato La “formula”  viene preparata con 150 grammi di latte evaporato e 200 grammi di acqua precedentemente sterilizzata in microonde. Raccomandiamo di usare la marca più economica di latte evaporato comunemente trovato in commercio perché sa bene che le confezioni specifiche per animali da compagnia sono un po’ troppo "ricche" e possano causare diarrea.

Il latte viene aggiunto solo dopo che l'acqua è stata sterilizzata a microonde, quindi viene aggiunto mezzo cucchiaino di sorgo, che finge da agente dolcificante.  allattamento artificiale

 Lo scopo principale del formulato è quello di fornire una idratazione ai cuccioli, piuttosto che dar loro un elemento nutritivo, ma essi apprezzano il gusto di questo latte leggermente dolcificato. II preparato può essere conservato per 5 o 6 giorni in frigorifero.

 Si può usare  il prodotto tutti i giorni per alcuni giorni, contemporaneamente mettete nella gabbia anche un piattino contenente una piccola dose di snack come pezzettini di banana essiccata o erbette varie o frutta disidratata o anche rosa canina a giorni alterni,  che servono  principalmente per la madre ma che può essere tranquillamente mangiato anche dai cuccioli.

A nostro  avviso il punto principale è rappresentato da due cose:

 1) Un corretto taglio dei denti.

 2) L'uso della formula idratante. I cuccioli mangiano cibi solidi praticamente da quando sono capaci di muoversi sul fondo della gabbia ma non possono idratarsi se non assumo liquidi. Bastano due giorni di insufficiente idratazione ed avrete un cucciolo così fiacco che non potrà più succhiare latte dalla mama.

 Ora, come tagliare i denti? Si  usa un piccolissimo tronchesino con il quale si tagliano gli incisivi con una certa precisione. I denti ricrescono nel giro di 7/8 giorni. II tronchesino usato è un attrezzo di precisione che di solito viene usato per tagliare le pellicine intorno le unghia.

 

Se diamo uno sguardo alla mortalità dei cuccioli prima che partisse questo programma, osserviamo che vi era un significativo numero di cuccioli che venivano colpiti sulla testa ,sulle labbra ed anche sugli occhi dalle stesse madri che erano a loro volta vittime dei cuccioli stessi prima che avessero la montata lattea.   Così, per difendersi colpivano i cuccioli. Tutto questo è stato minimizzato con attuazione del nostro programma.

Ricordate che la formula serve molto di più per consentire l'idratazione che non per fornire alimentazione. I piccoli possono facilmente ottenere cibo, ma non i liquidi in queste prime 48 ore, perciò debbono essere adeguatamente idratati se la madre non produce subito latte.

Ricordate che il tronchesino da usare per tagliare i denti deve essere un attrezzo molto piccolo per consentire un taglio accurato. Ricordate anche che la maggior parte di questi cuccioli non ha bisogno di alcun aiuto, così se vedete due piccoli sdraiati sotto la madre con le loro code scodinzolanti non avete nulla da fare.

Azienda agricola La Plata Cincillà - C.da Ributtini 66054 Cupello (CH) - P.IVA 01664550694 - Cod. Fisc. MNC MRT 63D04A402T - Tel. 333 4983215